Midda's Chronicles - il Diario

martedì 12 gennaio 2010

Midda's Chronicles - eBook


A
un anno esatto (ieri) dalla pubblicazione del primo volume cartaceo di Midda's Chronicles, e grazie alle nuove offerte di Lulu.com per la vendita di eBook con la tecnologia Adobe Digital Editions, Il tempio nella palude (e altre storie) rivive da oggi in una nuova - ed economica - versione eBook, la cui vendita, naturalmente, continuerà a cointribuire alla raccolta fondi in collaborazione con Yeshe Norbu Appello per il Tibet o.n.l.u.s. a favore dei bambini dei Tibetan's Children Villlages.

Con il costo contenuto di soli 4 euro (comprensivi dei costi base per la vendita di eBook su Lulu.com, della gestione dei DRM propria delle Adobe Digital Editions, nonché dei guadagno di Lulu.com sulla "mia" parte di profitto), rispetto ai 20 euro del volume cartaceo, tutto il valore aggiunto rappresentato dal libro rispetto alla versione liberamente scaricabile in PDF dal sito, e che continuerà a restare lì a disposizione di tutti, quali la revisione e la correzione dei testi, nonché le quindici tavole ad opera di Giuliana Lagi e la mappa del mondo di Midda Bontor, è ora a vostra disposizione.
Un'alternativa forse meno piacevole della carta, ma sicuramente di maggior pregio nel confronto con i PDF, fosse solo per il lavoro aggiuntivo che è stato posto dietro a esso.


Perché lo sto proponendo come eBook in questo modo piuttosto che semplicemente distribuire un PDF e bon?
Come ben sapete non è mia volontà ottenere un ricavo dalle Midda's Chronicles, ma ho preso un impegno morale con Yeshe Norbu e i TCV, e non desidero venirne meno. Sarebbe infatti una presa in giro quella di porre un'iniziativa di beneficienza collegata a un libro che (purtroppo) costa 20 euro e che poi può essere ritrovato tranquillamente online pronto per il download.
Dopotutto Midda's Chronicles, nella sua versione originale, è a completa disposizione gratuita in PDF distribuiti addirittura sotto licenza Creative Commons, ragione per cui credo che il valore aggiunto dall'edizione riveduta e corretta, nonché arricchita dalle tavole illustrate, sia meritevole di essere rispettato e, in questo, remunerato.
Vi prego, quindi, di non vedere questa iniziativa con malanimo, cogliendola quale ipocrisia o mancanza di coerenza rispetto a quanto proposto fino a oggi. Anzi... è esattamente l'opposto.

Di Midda's Chronicles, da oggi, esisteranno così due versioni, entrambe proposte in due diversi formati:
- versione "base" gratuita, distribuita con licenza Creative Commons
1. a disposizione per la lettura diretta sul sito www.middaschronicles.com
2. a disposizione per il download in PDF sempre sul sito www.middaschronicles.com
- versione "deluxe" a pagamento, collegata all'iniziativa di beneficenza per i TCV
1. a disposizione in formato cartaceo su Lulu.com
2. a disposizione in formato eBook su Lulu.com

Credo che, a questo punto, si possa considerare davvero di avere una Midda per ogni genere di lettore e di esigenza...


Dove forse non tutti sono confidenti con la tecnologia Adobe Digital Editions (io stesso non lo ero), ecco un paio di dritte per l'uso.

Prima di acquistare l'eBook:
1. andare sul sito Adobe DE (http://www.adobe.com/it/products/digitaleditions/) e installare il programma Adobe Digital Editions, necessario per gestire e leggere gli eBook creati con questa tecnologia;
2. una volta installato Adobe Digital Editions, aprirlo ed effettuare al momento della richiesta la registrazione quale utente (assolutamente gratuita... non chiede particolari dati personali) per poter avere il proprio username/password e poter utilizzare, in questo modo, il programma in modalità personalizzata;
3. una volta registrati sul sito, effettuare il login nel programma.

Come acquistare l'eBook:
1. ovviamente, così come per acquistare la copia cartacea, è necessario iscriversi a Lulu.com (http://www.lulu.com/) anche qui, ovviamente, iscrizione del tutto gratuita;
2. una volta registrati, cercare il prodotto (o cliccare direttamente qui http://www.lulu.com/product/6241426) e cliccare su Aggiungi al carrello;
3. concludere l'ordine e acquistare il prodotto;
4. immediatamente dopo l'acquisto del prodotto, sarà offerto un link per il Download (se necessario, comunque, il link sarà sempre disponibile nel pannello "I miei Download" di Lulu.com): cliccare sul link e fare "Apri con..." avendo già in automatico Adobe Digital Editions come scelta.

Il file è piccolissimo, in effetti, e verrà poi aperto con il programma precedentemente installato.
A questo punto sarà sufficiente attendere pochi istanti per il download vero del libro e si vedrà comparire la copertina di Midda's Chronicles - Il tempio nella palude (e altre storie).

Il libro a questo punto resterà per sempre vostro, per la consultazione anche offline.

In teoria, e dico in teoria perché pur avendolo pagato e provato a mia volta prima di mettervelo a disposizione non ho di certo fatto un'azione di debugging su Lulu.com o su Adobe Digital Editions, gli eBook possono essere riscaricati (in caso di danno al PC o simili) quante volte si desidera dalla pagina "I miei download", venendo distribuiti fino ad un massimo di sei dispositivi (portatili, miniportatili, palmari, pc desktop, smartphone, etc) per acquirente.

Buon compleanno, Midda! (3)


I
l compleanno di Midda è praticamente finito... ma le sorprese non lo sono ancora, tanto da giustificare altri due messaggi in questa sede.

Ieri sera, infatti, la Locanda della Terra di Altrove, all'interno della quale un mese fa ero già stato incredibilmente onorato di poter essere equiparato ad autore "vero e proprio", partecipando a una tavola rotonda con altri autori (di qui ho già parlato qui), mi ha concesso la possibilità di dar vita a una piccola festa virtuale per celebrare l'anniversario delle Cronache, in una serata che non è rimasta priva di momenti di divertimento e grandi sorprese, per me in primis, e poi per qualunque lettore di Midda, con un annuncio offerto in quella sede in anteprima esclusiva per onorare la serata.

Per chi fosse interessato, a questo link è possibile ritrovare il "tavolo" della festa.

Impossibile, in questo, dimenticare tre momenti cardine della sera:
1. la torta che non ho mancato di servire (virtualmente) ai presenti;
2. i doni a sorpresa che ho ricevuto: una bellissima targa e, ancor più, una magnifica Midda in versione manga;
3. il grande annuncio della serata!

In parallelo a tutto questo, inoltre, sono stato onorato di un'intervista esclusiva, che ovviamente non posso mancare di invitare tutti a leggere!

Che dire...

I ringraziamenti a tutti non sono mancati ieri sera, ma inevitabile mi sembra ringraziare nuovamente per l'entusiasmo riconosciutomi, per la fiducia a me proposta in questo forum veramente colmo di cordialità, di serenità, in un clima allegro e familiare, degno della migliore di tutte le locande di qualsiasi opera fantasy.
L'imbarazzo è veramente grande, dove mai avrei potuto pensare di essere accolto con abbracci tanto calorosi, tali da annichilire totalmente ogni pessima esperienza passata, ogni pregiudizio addotto a me e alla mia umile opera...

Grazie davvero a tutti gli amici della Locanda!

lunedì 11 gennaio 2010

Buon compleanno, Midda! (2)


O
kay... è vero... più di un mese fa sono stato io stesso a scrivere alla redazione di FantasyMagazine, annunciando l'imminente anniversario delle Midda's Chronicles.
Quindi, forse, avrei dovuto quasi attendermelo.

Eppure, quando questa mattina ho acceso il PC e sono andato a sbirciare nel sito per qualche aggiornamento fantasy, e ho trovato questa schermata...


... quasi non ci volevo credere!

Proprio lì, poco sotto a Thor, poco sotto a Heroes, poco sotto alla Meyer, ecco fare capolino la copertina del secondo libro di Midda, Condannata (e altre storie).
Inutile sottolineare che quando sono entrato e ho iniziato a leggere l'articolo...


... poco è mancato che non mi mettessi a piangere per la commozione!

"Midda Bontor: donna guerriero per vocazione, mercenaria per professione. In un mondo dove l'abilità nell'uso di un'arma può segnare la differenza tra la vita e la morte e dove il valore di una persona si misura sul numero dei propri avversari uccisi, ella vaga cercando sempre nuove sfide per offrire un senso alla propria esistenza..."
Questa la presentazione delle Cronache di Midda, così come compare sul blog middaschronicles.blogspot.com/ e in effetti il vagare di questa guerriera è stato piuttosto lungo e fruttuoso, visto che le sue avventure raggiungono esattamente i due anni di pubblicazioni in rete con l'11 gennaio.
Le Cronache di Midda compaiono con continuità tutti i giorni dal 2008 e a poco a poco hanno raggiunto una mole considerevole. E' fantasy, sword and sorcery non priva di complessità e di toni intimisti. Divise in quindici racconti, le Cronache sono disponibili sul blog in formato PDF e si può anche acquistare la versione cartacea che di recente ha potuto vantare il secondo volume, Condannata (e altre storie), che viene ad aggiungersi alla prima raccolta, Il Tempio della Palude. La versione cartacea è un'autopubblicazione, che non finanzia comunque l'autore ma una iniziativa di beneficenza.
I racconti sono scritti dalla mano di Sean MacMalcom, pseudonimo portato con decisione, visto che questa è l'unica firma che compare: Sean si inserisce in una comunità di scrittori, i New Wave Novelers, che condividono il formato della blog novel, ovvero della creazione in rete del proprio lavoro, visibile agli occhi degli appassionati che decidono di seguirlo.
Iniziative che nascono dal piacere di scrivere per se stesso, sfide personali che possono anche riuscire a strappare risultato ragguardevole, come questo secondo compleanno di Midda. Complimenti, e cento di questi giorni.

Che dire se non un sentito e sincero grazie tanto a Bruno Bacelli, autore dell'articolo, quanto a tutta la redazione di FantasyMagazine, per questo magnifico dono.

Grazie di cuore...

Buon compleanno, Midda!


N
on ricordo se sia stato il 10 o proprio lo stesso 11, dell'ormai non più recentissimo gennaio 2008.
Quello che ricordo è come, nel rispetto di un proposito riservatomi in quello stesso inizio di anno nuovo, mi ripromisi di iniziare a pensare a me stesso.

Da sempre, infatti, avevo agito cercando di rendere contenti gli "altri", di soddisfare le aspettative di chiunque attorno a me ancor prima delle mie... e questo, purtroppo, alla fine del 2007 mi aveva condotto a ricevere molte spiacevoli mazzate sui denti.
Ma, come Midda stessa insegna, nulla è meglio di una sana mazzata sui denti per apprendere una lezione. E così fu anche per me.

In quel 10 o 11 gennaio, pertanto, decisi di iniziare a creare una serie di strisce a fumetti, da pubblicare con cadenza settimanale su un blog creato ad hoc.
Sdraiato sul letto, con un foglio bianco davanti e una matita azzurra in mano, iniziai a tratteggiare l'immagine di un volto femminile, con corti capelli a caschetto (sì, in origine Midda aveva un look molto simile Valentina di Crepax!) e una lunga cicatrice sull'occhio sinistro. Accanto a tale prima immagine, poi, una seconda, più estesa, che mostrava anche parte del corpo di questa guerriera, con vestiti sdruciti addosso e un braccio ricoperto da un'armatura nera (e, ancora, sì... in origine neanche io avevo idee ben chiare in merito a quell'arto!). La terza immagine, conclusiva della prima striscia, avrebbe infine mostrato la nostra protagonista circondata da zombie e intenta, in ciò, a lamentarsi per non farsi mai pagare abbastanza.
Così nacque Midda Bontor: donna guerriero e mercenaria fin dal suo primo concetto.
Per mia fortuna, all'epoca mi resi conto che, anche tentando di proporla come striscia settimanale, non sarei riuscito a mantenere l'impegno preso, non sarei riuscito a riservarmi il tempo necessario per rispettare le scadenze. E così, deciso a dar vita a quel personaggio, abbandonai la matita, per sedermi al computer e riprodurre in una lunga descrizione quella stessa prima striscia, nel mostrare a parole quanto, altrimenti, avrei voluto mostrare con i disegni.
Quel primo episodio, una sola, lunga, descrizione fisica (qui presente nella sua versione riveduta e corretta in una lettura personale a promozione del primo libro), diede allora origine a un nuovo appuntamento quotidiano, che pur, all'epoca, mai avrei ipotizzato di riuscire a portare avanti per così tanto tempo.

Oggi sono trascorsi due anni da quella prima pubblicazione di Midda's Chronicles.
Due anni che si possono tradurre in settecentotrentuno episodi pubblicati online.
Due anni che si possono tradurre in sedici racconti completi e un diciassettesimo attualmente in fase di scrittura.
Due anni che si possono tradurre in due libri autopubblicati su Lulu.com, edizioni rivedute e corrette di quanto presente online, e un terzo in fase di correzione.
Due anni che, al di là di tutte queste traduzioni, possono essere intesi come l'inizio (perché questo è solo l'inizio) di una meravigliosa avventura, un incredibile cammino nel corso del quale tante sono state le difficoltà, i pregiudizi contri i quali ho dovuto lottare (e continuo quotidianamente a fare), ma anche tanti sono stati gli amici che si sono schierati in mio sostegno.
Due anni di una meravigliosa, incredibile avventura forse non diversa, non meno entusiasmante, dal mio punto di vista, di quelle che ogni giorno vive la nostra Figlia di Marr'Mahew... certamente faticosi, e pur incredibilmente gratificanti.

Grazie a Midda per questi meravigliosi due anni insieme.

Grazie a tutti coloro che in questi due anni hanno voluto essermi vicino, sostenendomi, consigliandomi, incitandomi, criticandomi: a partire con gli amici di New Wave Novelers, per proseguire con Giuliana Lagi, fondamentale illustratrice delle edizioni cartacee, senza dimenticare un elenco pressoché sterminato di nomi e volti che in ogni angolo del Web hanno creduto in me.

Grazie... di cuore!