Midda's Chronicles - il Diario

martedì 22 dicembre 2015

Reimaging Midda


Sono passati mesi dall’ultimo episodio pubblicato di Midda’s Chronicles.
Mesi nel corso dei quali non è passato giorno senza che mi nuove idee sorgessero nella mia mente, suggerendomi altre straordinarie avventure affrontate dalla nostra mercenaria prediletta. Mesi nel corso dei quali non è trascorso singolo momento senza che non sentissi la mancanza del mio appuntamento quotidiano con colei che, obiettivamente, è una delle donne più importanti della mia vita ormai da quasi otto anni.
Purtroppo, però, nella sgradevole complicità di diversi fattori, primo fra i quali, indubbiamente, l’assenza di energie e un certo grado di apatia indottomi dalla perdita della mia tiroide, trapassata ormai tre estati fa, nonché, subito a seguire, una situazione lavorativa sempre più complicata; mi sono ritrovato a essere spiacevolmente ostacolato nel riuscire a gestire il mio consueto momento di scrittura creativa quotidiana.

L’altro giorno, una fedele amica di Midda e mia, mi ha contattato chiedendomi di prometterle che avrei provato a scrivere un nuovo episodio delle Cronache. E non sapendole dire di no, eccomi, malgrado tutto, a cercare di soddisfare tale aspettativa.

Perché, però, il titolo “Reimaging Midda”?

Perché, dopo tutti questi mesi di pausa, non me la sento di riprendere il racconto precedente da dove interrotto. E non tanto perché io non intenda terminarlo, ma perché ho il timore di non aver un po’ perso forma dopo tanto tempo di lontananza dalla tastiera. Quindi, ancor prima di correre il rischio di rovinare una storia a cui comunque tengo, e alla quale desidero dare un degno proseguo e una giusta conclusione, preferisco riservarmi l’opportunità di gettare uno sguardo in qualcuno degli infiniti universi paralleli del meraviglioso multiverso già introdotto molto tempo fa nelle Cronache.
La “nostra” Midda Bontor, quindi, si prende ancora qualche tempo di riposo, nella propria sfida contro le magnose spaziali, nel mentre in cui “altre” Midda Bontor si premureranno di porsi sotto i metaforici riflettori della nostra attenzione…

Ecco a voi, quindi, “Reimaging Midda”… episodio 001!

domenica 17 maggio 2015

Midda's Chronicles in KindleUnlimited


Per chi non lo sapesse, da qualche mese Amazon ha offerto un nuovo servizio collegato al mondo Kindle. Tale servizio è chiamato KindleUnlimited e offre la possibilità di avere accesso illimitato a moltissimi titoli, in italiano e non, a fronte del pagamento di un canone mensile di 9,99€.

A prescindere da ogni possibile e variegata considerazione sull'iniziativa, sui tecnicismi, sui costi e quant'altro, per gli amanti della lettura è, indubbiamente, un'occasione interessante, anche e soprattutto per poter avere possibilità di sperimentare, "gratuitamente" (ossia limitandosi al pagamento del canone mensile), titoli che, magari, in caso contrario non avrebbero acquistato, vuoi per il prezzo (in Italia il costo degli e-book è ancora mediamente troppo elevato), sia perché, comunque, dovendo spendere qualcosa, si preferisce sempre andare sul sicuro, su autori o titoli che già si è certi saranno in grado di offrire un certo appagamento.

Midda's Chronicles, che già da un paio di anni ha la propria pubblicazione digitale su Amazon con una politica di prezzi volti al mantenimento del "minimo sindacale" (ossia del minimo prezzo a cui Amazon stesso permette di porre in vendita gli e-book), è da una settimana presente, con tutte le avventure già edite, anche all'interno dell'offerta KindleUnlimited.
Pertanto, ora, accanto alla possibilità di acquistare definitivamente gli e-book delle nostre Cronache preferite al costo di 0,99€ cadauno (c'è stata, purtroppo, una flessione al rialzo nell'ultimo anno causa aumento dell'IVA), vi è la possibilità, per tutti gli utenti KindleUnlimited, di avere accesso gratuito a tutta la produzione.
Sia chiaro: a differenza dell'acquisto diretto dell'e-book, con KindleUnlimited si acquisisce soltato la possibilità di avere accesso al libro, secondo le modalità meglio esplicitate sul sito di Amazon... ciò non di meno, potrebbe comunque essere la possibilità, per qualche lettore incerto, di provare finalmente Midda's Chronicles.

A seguire, approfitto per riepilogare l'elenco completo delle Cronache per così come presenti su Amazon:
- Il tempio nella palude e La città del peccato: http://www.amazon.it/dp/B00AZUOYJS
- Gli spettri della nave: http://www.amazon.it/dp/B00BRXUQJ4
- Alla deriva: http://www.amazon.it/dp/B00CQOA2T2
- Un ricatto letale: http://www.amazon.it/dp/B00DV7028Y
- Condannata: http://www.amazon.it/dp/B00F3KV8NA
- I quattro cavalieri: http://www.amazon.it/dp/B00GLB1KKG
- La corona perduta: http://www.amazon.it/dp/B00HTFS48O
- Trent'anni dopo: http://www.amazon.it/dp/B00KFX2KLO
- Il collezionista di sassi: http://www.amazon.it/dp/B00L0RQM8G
- La sposa del sultano: http://www.amazon.it/dp/B00X8YUAZU

Insomma... che lo si preferisca leggere online, piuttosto che in versione e-book (acquistata o tramite KindleUnlimited), o che si voglia, addirittura, il cartaceo (sempre presente su Lulu.com)... Midda's Chronicles è sempre a vostra disposizione. In ogni momento. Con la sola speranza di poter appagare il vostro desiderio di avventura!

Buona lettura!

lunedì 12 gennaio 2015

11 gennaio 2008 - 11 gennaio 2015: tanti auguri, Midda!


Beh… sette anni e quarantacinque avventure complete… mica male, no?!
Ora. Dopo i pessimi risultati dell’ultimo anno, di cui ho già avuto modo di fare autodenuncia, probabilmente non dovrebbero esserci molte ragioni per esaltarsi… ma… capiamoci…
- il ciclo di Conan, del Sommo Robert Ervin Howard, si compone di diciotto storie, pubblicate fra il dicembre del 1932 e l’ottobre del 1936, più altre tre storie purtroppo postume e quattro rimaste incompiute;
- il ciclo dei Pirati della Malesia, dell’Immenso Emilio Salgari, si compone di undici libri, pubblicati, in parte in episodi, fra il 1883 e il 1913;
- il ciclo di John Carter da Marte, del Potente Edgar Rice Burroughs, si compone di dodici libri, pubblicati, in parte in episodi, fra il febbraio 1912 e il febbraio del 1943.
Insomma… sono ancora, evidentemente e indubbiamente lontano dai risultati dei Divini, ma, ciò nonostante, un pezzetto alla volta, un passo dopo l’altro, Midda sta cercando la propria strada. E lo sta facendo (purtroppo non posso più dire “ininterrottamente”… sic!) da ben sette anni. Sin da quell’ormai lontano 11 gennaio 2008.

In sette anni, Midda e io ne abbiamo viste molte.
A volte è stata ella a trovarsi più in difficolta… altre volte sono stato io ad arrancare. A volte è stata ella ad avere necessità di un aiuto da parte mia (!)… altre volte sono stato io a implorare il suo soccorso.
Dopo sette anni, comunque, al di là di momenti di gloria, così come di parentesi di crisi, quello che mi sento di poter dire con certezza è che, fra noi, si è instaurata una bella amicizia, una forte complicità, un indubbio legame.
Credete che io sia innamorato di Midda? Beh… in fondo lo sapete: chiunque la incontri, non può evitare, almeno un po’, di infatuarsi di lei. E dal momento che, da sette anni, ho avuto la fortunata occasione di esserne il principale cronista quasi ineluttabile non avrebbe potuto che essere considerata l’eventualità di una cottarella.
Un po’, in fondo, come è accaduto a Seem, il suo ex-scudiero, il quale, giusto in occasione di questo settimo compleanno, è tornato estemporaneamente protagonista di un episodio speciale celebrativo, dal titolo Sette modi per uccidere. Uno per vivere, che vi invito ovviamente a leggere.

Detto questo… sette anni non sono pochi. Ma ancora molti altri, io spero, attenderanno Midda e il sottoscritto.
Appuntamento, quindi, già a domani mattina con il proseguo regolare della quarantaseiesima avventura della Figlia di Marr’Mahew. E appuntamento a fra altri dodici mesi per festeggiare, insieme, il prossimo compleanno!

Con un grazie sincero a tutti coloro che, da sempre, hanno creduto in quest’opera…


11 gennaio 2008 - 11 gennaio 2015: tanti auguri, Midda!